venerdì 22 aprile 2011

NEBBIA FITTA ALL'AUDITORIUM DI ARESE: il regolamento lo vieta espressamente

Il consiglio comunale di ieri 21 aprile è stato convocato per CHIARIRE i perchè delle perquisizioni della Guardia di Finanza in merito alla (pare) allegra gestione GSM e al (pare) turbamento della gara indetta per il rifacimento dei tetti di alcune scuole.
Da segnalare:
     * la notevole partecipazione dei cittadini (nonostante fosse il giovedì di Pasqua) che speravano di poter capire cosa fosse successo di tanto grave da far dichiarare al Sindaco di essere lui la vittima dei tragici eventi;


   * serata nel complesso purtroppo  piuttosto  noiosa, caratterizzata dalla assoluta mancanza di novità;


   * il Sindaco si è barricato dietro ad una densa cortina fumogena  costituita da riferimenti a numeri di protocollo, articoli di legge, incomprensibili estratti di norme tecnico/burocratiche, esortazioni a mantenere bassi profili, in sostanza  non ha detto assolutamente nulla che potesse servire a dissipare i dubbi che affliggono il semplice cittadino; a sua discolpa riteniamo che, essendo in corso una indagine, non potesse dire di più;


   * i Consiglieri della maggioranza, ad eccezione della Lega che non si è espressa, si sono esibiti nei soliti poemi lirici inneggianti all’operato della Giunta, baciando virtualmente i piedi a Sindaco e Assessori come si conviene in periodo pasquale;




   * unica nota di colore nel grigiore della serata la Presidentessa del consiglio che, da perfetta macchina tecnico-politica, con polso di ferro, toni e cipiglio autoritari, si è esibita in alcuni assolo, e in nome del sacrosanto regolamento e di non si sa quali accordi verbali (o fraintendimenti?) dei capigruppo,  ha impedito alla capogruppo dell’opposizione di parlare per presentare una  nuova interrogazione sul tema in discussione. Per dimostrare che non scherzava ha minacciato di far sgombrare l’aula che rumoreggiava e ha espulso un cittadino che aveva chiesto a voce alta di accendere il microfono alla capogruppo dell'opposizione. Personalmente, dato il carattere, non vorrei averla come suocera.


Per chi sperava in chiarimenti concludiamo alla Cochi e Renato: oggi 21 aprile nebbia fitta in val padana con banchi particolarmente densi all’Auditorium di Arese.


Intervallo: per ridere un po'  LA PORTINAIA: Aldo-Giovanni- Giacomo









6 commenti:

  1. il Giacomo-portinaia ha lo stesso cipiglio del nostro presidente intergalattico comunale.

    RispondiElimina
  2. veramente spassoso,impossibile non ammirare la vostra intelligente ironia

    RispondiElimina
  3. Delle volte la realtà supera la fantasia! "Giacomo portinaia" - baffi a parte - è identico al nostro Presidente, anche se lui è un po' più umile...
    Un Vostro affezionato Ammiratore facente parte dell'illustrissima Maggioranza così ben rappresentata dall'onnisciente Presidente

    RispondiElimina
  4. Caro collega estimatore e sostenitore di questa maggioranza,vedo anch'io una notevole somiglianza...nel video,però, non si grida :"carabinieriiii" per mettere a tacere lo scomodo condomine.VIVA il PORTINAIO!!!!!

    RispondiElimina
  5. i baffetti se ci sono non costituiscono un problema, non si notano; quelli che invece sicuramente non le mancano sono gli attributi!!!!

    RispondiElimina
  6. cetto quel cittadino, reo di lesa maestà o presidenza che sia, per aver osato alzare la voce da processare sul posto era, cose incredibbili sooono!!!!!!!!!

    RispondiElimina