mercoledì 19 ottobre 2011

POLTRONATTAK- INCOLLA L'IMPOSSIBILE














Lo stupefacente prodotto, da tempo molto apprezzato dalla casta politica nazionale, la sera del 18 ottobre ha dimostrato praticamente ai molti e stupìti cittadini accorsi al Consiglio Comunale di Arese  la veracità dello slogan INCOLLA L’IMPOSSIBILE


Il rappresentante del prodotto avrebbe voluto continuare la dimostrazione dell’altro slogan tutti quanti a testa in giù ma ragioni di estetica e di pubblica sicurezza lo hanno sconsigliato.
In aula erano anche volate frasi del tipo responsabile attaccamento al dovere (cosa piuttosto difficile da dimostrare) lasciando nel pubblico l’impressione che si trattasse in effetti di puro attaccamento al potere.


Una domanda sorge spontanea: quanto potrà durare questo attaccamento e cosa ci vorrà per scollare quei sederi dalle poltrone?

Noi, soliti uccelli del malaugurio, riteniamo non ci vorrà molto; sarà sufficiente recuperare e scoperchiare il sarcofago contenente gli ultimi resti mortali di FACS, figlia di secondo letto del faraone TutanGino 1°.
E, da soliti ottimisti, ci auguriamo che tutto potrà volgere al meno peggio.

4 commenti:

  1. L' ALLLLLLLER e i suoi amici sono vicini moralmente!!!!!
    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=Yxny7ZZ_YCI

    non ho parole!!!!!
    CHE SCHIFO!!!

    RispondiElimina
  2. TutanGino 1° da Wikipedia: famoso per i faraonici programmi di grandi opere mai avviate o mal realizzate. Gli storici riportano in proposito il noto caso della "piazza che fa cagare"

    P.S,: purtroppo non siamo messi bene manco con l'opposizione. Al Pirellone alla votazione sulla riduzione delle auto blu il PD si astiene. Poi si lamentano sostenendo che è colpa del M5S se perdono le elezioni !!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Della manifestazione Tutti A Casa, tranquilla e pacifica, con centinaia di persone in Piazza non frega niente a nessuno. Ormai manifestare è inutile quando si protesta contro organismi istituzionali e decisioni di partito. Manifestare o raccogliere firme (come le 4000 contro a tangenzialina) ormai non serve più a nulla, ad Arese, come in Italia.
    E' arrivato il momento di trovare altri modi per esercitare la democrazia: basterebbe cambiare il nostro modo di consumare piuttosto che passeggiare per Arese. Quante persone presenti in piazza con il loro modo di consumare, di usare l'auto, di consumare l'acqua, di vivere nel territorio alimentano l'attuale sistema di consumo di territorio, o di inquinamento?
    Questo è anche agire dal basso. Allora sì che tremeranno i professionisti della poltrona.
    Quando compriamo votiamo, dice padre Alex Zanotelli ... è una verità.

    RispondiElimina
  4. Non so se vi siete persa l'espressione molto preoccupata degli esponenti dell'Unione del Cemento quando parlavano di un eventuale ricorso ad un Commissario prefettizio come di un male da evitare a tutti i costi. Secondo voi cosa avevano in mente? A londra gli scommettitori danno 10 a 1 che il loro aulico pensiero in quel momento era rivolto alla montagna di euro relativi agli oneri di urbanizzazione dell'AdP exAlfa che sarebbero svaniti nel nulla.
    Come li capisco......

    RispondiElimina