mercoledì 11 gennaio 2012

CAMBIA L'ADDIZIONALE IRPEF

Apprendiamo dalla stampa (ma non vi è traccia nel sito del Comune) che il Commissario Prefettizio di Arese, Dott. Emilio Chiodi, ha apportato delle modifiche alle aliquote delle addizionali Irpef, ossia all'Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche. Le addizionali comunali Irpef , insieme a quelle regionali sono imposte applicate a tutti i contribuenti sul reddito imponibile in Italia e  stanno aumentando sempre di più negli ultimi tempi. 
L'intervento del Commissario si è reso necessario innanzitutto per allineare le fasce di reddito a quelle stabilite a livello nazionale - particolare evidentemente sfuggito alla precedente amministrazione.
Ma non solo.
I minori trasferimenti statali  decisi dal governo Berlusconi,  dovranno essere compensati localmente,  e quindi la modifica dell' addizionale Irpef, è stato calcolato,  porterà alle casse comunali un maggior gettito grazie all'applicazione della massima aliquota possibile dello 0.8% per redditi superiori ai 28.000Euro.  Purtroppo spesso, anche chi guadagna più di 28.000 ha problemi ad arrivare a fine mese, senza essere ricco, soprattutto se è in un nucleo familiare monoreddito!

Tutti ci domandiamo quali necessità particolari abbia Arese: non sarà forse per coprire i Buchi Neri lasciati dall'amministrazione precedente o gli alti costi fuori controllo di gestione ordinaria? Per verificare cosa succede nei paese limitrofi è possibile consultare il Portale dell'Amministrazione Finanziaria. 

Pur apprezzando la suddivisione per fasce di reddito utile a tutelare i più deboli,   ci sembra  facile intuire che questa manovra aresina colpirà i soliti onesti, che già vengono continuamente tartassati. E i soliti furbi o alcune categorie di privilegiati,  in tempi di sacrifici e di crisi come quelli attuali, la faranno franca.

Crediamo che la vera compensazione dei minori trasferimenti statali possa essere realizzata concretamente anche con una lotta all'evasione locale. Oggi i comuni hanno gli strumenti e il potere per farlo. Come non incrociare dati fra beni mobili ed immobili di lusso, con i redditi dichiarati? 
La precedente giunta non ha mai voluto rendere pubblici i propri redditi: non sarebbe stato un bell'esempio? Si dice che bisogna cambiare la mentalità degli italiani, basterebbe che iniziasse la P.A. per una volta a dare il buon esempio. 

PS: come non ricordare i commenti amari di molti Aresini che avevano potuto vedere le dichiarazioni dei redditi del 2005 (online per poco sul sito delle Finanze) scoprendo che alcuni componenti della Giunta erano bisognosi di Social Card....


12 commenti:

  1. Difatti mi chiedo : questi adeguamenti delle addizionali irpef sono sempre stati oggetto di dibattito politico anche feroce e adesso senza nessun preavviso in un battibaleno (avra' visto qualcosa che non sappiamo?) ecco la decisione fulminea e cosi' inderogabile da non poter aspettare la primavera (elezioni).
    Mah ...
    Arese poi molto ricca di ville e case di lusso ritengo riceva (e abbia ricevuto anche in questi anni dove le ville non erano esentate dall'ICI) molto dalla tassa sulla casa e moltissimo gia' dall'Irpef comunale (applicavamo gia' un aliquota maggiore di quasi tutti i comuni vicini e Arese e' da sempre ai vertici per reddito medio procapite), questo naturalmente in relazione agli altri comuni.
    Ecco,adesso qualcuno dell'UDC dira' "avete visto ??"
    Anche Arese ha il suo "governo tecnico", Chiodi come Monti.

    RispondiElimina
  2. Lo sapevate che la nostra amministrazione spende 70.000 euro l'anno per la segnaletica orizzontale? Personalmente ritengo che il nostro Comune possa vantare il Guiness dei primati per le strade più pitturate del mondo.
    Per fare un esempio, le strisce laterali, molto utili in caso di nebbia, le trovi anche in via Matteotti.
    Non sarà che i nostri amministratori sono un pò troppo apprensivi nel prevedere nebbia nelle strade del centro?

    RispondiElimina
  3. Non mi permetto di entrare in merito alla decisione del Commissario Prefettizio di modificare le aliquote dell'addizionale IRPEF.
    Mi sento però in dovere di precisare che il bilancio del Comune di Arese è un bilancio solido, in pareggio e non presenta "buchi neri" di nessun genere. Per maggiore chiarezza invito a consultare la documentazione del bilancio sul sito del Comune.
    Confermo inoltre che il Comune di Arese ha già sottoscritto l'accordo con l'Agenzia delle Entrate per quanto riguardo il recupero dell'evasione fiscale perchè PAGARE TUTTI VUOL DIRE PAGARE MENO.
    Quanto sopra come dovuta precisazione.
    Grazie dell'attenzione e buon lavoro

    ERIKA SEEBER
    EX ASSESSORE ALLE RISORSE FINANZIARIE

    RispondiElimina
  4. la Sig.ra Seeber scrive "Confermo inoltre che il Comune di Arese ha già sottoscritto l'accordo con l'Agenzia delle Entrate per quanto riguardo il recupero dell'evasione fiscale perchè PAGARE TUTTI VUOL DIRE PAGARE MENO." .... perchè non prova a dare un occhiata alla dichiarazione dei redditi dei suoi ex compari assessori? Persone che dichiarano nulla o meno di un morto di fame. Siamo stufi! Stufi!

    RispondiElimina
  5. Innanzi tutto ringrazio Seeber per la precisazione. Non si capisce allora con quale criterio il commissario abbia aumentato l'aliquota al massimo previsto. L'aumento di entrate previsto corrisponde proprio a quello dei minori trasferimenti statali ? Sinceramente vorrei che si entrasse nel merito. Può la Sig. Seeber dirci qualcosa in proposito ?
    sergio farotto

    RispondiElimina
  6. Gent.le Sig.ra Seeber
    sottoscrivere un accordo con l'Agenzia delle entrate è certamente cosa buona e giusta ma dopo la firma quali sono state le AZIONI avviate dal Comune in merito al recupero dell'evasione? Posssiamo noi comuni mortali prendere visione di questo accordo?
    Grazie per le precisazioni, cordiali saluti.
    Aurelio Civalleri

    RispondiElimina
  7. Che il bilancio sia solido ed in pareggio è una notizia che mi aspetto come normale e non come insolita, ad Arese.
    E' lecito domandarsi, tuttavia, come verrà affrontata la questione del centro sportivo e di Facs: non c'è nessun "buco nero" da quelle parti?
    Pur avendo beneficiato dal 2006 al 2010 di 835.000 euro di contributi, Facs si trova in condizioni economiche critiche... il centro sappiamo tutti che si è liquefatto e NON è stato gestito bene. I cittadini hanno di fatto perso il loro diritto allo Sport.
    Come risollevarne le sorti? Chi appianerà i debiti? Sempre pantalone? Come verrà destinata l'addizionale Irpef?
    E i trasferimenti che diminuiscono continuamente: assurdo! Eppure le nostre tasse non sono diminuite da nessuna parte!
    Siamo stufi davvero di pagare sempre, stufi. e con quali risultati!
    Laura Antimiani

    RispondiElimina
  8. Scusi Signora Seeber, ma se uno aumenta l'addizionale in previsione di minori entrate l'anno prossimo, cosa centra con il bilancio dell'anno prima? Forse si tratta di pubblicità pre-elettorale dato che era lei l'assessore e prossima candidata a Sindaco?

    Mi scusi la provocazione ma se non mi spiega mi sembra questo.

    Massimiliano Dibisceglia

    RispondiElimina
  9. Come forse sapete ho dato le dimmissioni da Assessore al Bilancio a settembre 2011, perchè non condividevo alcune scelte dell'Amministrazione della quale facevo parte.
    Siccome qualcuno ha manifestato preoccupazione circa "buchi neri" ho risposto semplicemente che il bilancio del Comune di Arese è solido.
    Sono sicura che l'ufficio finanziario del Comune è disponibile a dare tutti i chiarimenti richiesti, considerato che io ormai non posso più parlare in nome dell'Amministrazione.
    Infine, siamo tutti in campagna elettorale ma la mia risposta sarebbe stata comunque la stessa.

    Erika Seeber
    ex Assessore alle Risorse Finanziarie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ringrazio per la puntuale risposta. A questo punto mi viene allora da pensare che che il commissario si è effettivamente reso conto che c'erano molte entrate che non ci saranno più. Ma più che entrate statali non si tratterà di oneri di urbanizzazione, dato che ormai di territorio non ne esiste più? Sarebbe il caso di informarsi con carte alla mano, peccato che per avere un documento ad Arese devi per forza recarti in comune per via delle precedenti amministrazioni che non hanno mai fatto niente per migliorare il rapporto di trasparenza.

      Massimiliano Dibisceglia

      Elimina
  10. Gent Sig.ra Seeber
    non avendo ricevuto risposta al mio quesito spero che, per motivi di segretezza e per non mettere sull'allerta gli evasori, Lei non possa chiarire che cosa ha effettivamente fatto il nostro Comune per combattere l'evasione fiscale. Sarebbe una terribile delusione scoprire che l'impegno della nostra amministrazione nella lotta all'evasione consiste unicamente nella firma di un accordo con l'Agenzia delle entrate. Cordiali saluti
    Aurelio Civalleri

    RispondiElimina
  11. a proposito di buchi neri

    http://www.ilgiorno.it/rho/cronaca/2012/01/16/653258-schiacciata_maestri_tennis.shtml

    RispondiElimina