domenica 6 gennaio 2013

BUON 2000 E CREDICI


THANK YOU
Siamo lieti di informare che abbiamo provveduto a consegnare agli uffici preposti, le numerose firme raccolte nei giorni scorsi presso l’Ufficio Elettorale di Arese, ai banchetti di Bollate e di Rho: in tutto 280 firme! 
Un OTTIMO risultato, in considerazione del poco tempo a disposizione e del particolare periodo festivo.
Un sentito ringraziamento ai numerosi concittadini che hanno voluto dedicarci un po’ del loro tempo per permettere al MoVimento 5 Stelle di partecipare alle 
prossime competizioni elettorali, regionale e nazionale, del 24 febbraio 2013.

Per chi vuole cominciare a capire chi è la nostra Candidata Presidente della Regione Lombardia, Silvana Carcano, ecco un suo breve video di presentazione.





COMMENTO
Ma è sempre più evidente che la legge NON è uguale per tutti. La disparità di doveri per la raccolta firme ne è la dimostrazione.
Il giorno del suo scioglimento, il 26 ottobre ed in deroga ad una norma di 44 anni, la giunta Regionale ha introdotto un comma della nuova legge elettorale lombarda che “esonera dalla sottoscrizione degli elettori le liste espressione di forze politiche corrispondenti ai gruppi presenti nel Consiglio” una scorciatoia per pochi privilegiati. Per approfondire, si può leggere l'articolo de Il Fatto Quotidiano. 
Come possono rappresentare con serietà i cittadini, coloro che sfruttano questi favoritismi? Per la cronaca, i consiglieri sollevati dalla raccolta firme gravano pesantemente sui cittadini: ogni gruppo che nasce si porta dietro un gruzzoletto che può arrivare a 100mila euro; ogni neocapogruppo riceverà un’indennità aggiuntiva fino a 1.300 euro al mese e una dote da 70mila per le spese di funzionamento da qui alla nuova legislatura. 
MA NON SI VERGOGNANO MAI?

APPELLO
Al contrario delle regioni coinvolte e dell'Italia, la circoscrizione estero ha ancora dei problemi a raccogliere le firme, in particolare nella zona Nord America.
Sconsolati all'estero  è la registrazione della diretta streaming con i 4 angoli del mondo, dove attivisti del M5S all'estero hanno raccontato come stanno cercando di superare i numerosi ostacoli per portare la gente a firmare entro il prossimo 11 gennaio: una vera corsa contro il tempo. 
Chi ha parenti o amici in quelle zone, è pregato di contattarli e di fare appelli oltreoceano!



QUESTO E' IL MOVIMENTO CINQUE STELLE



1 commento:

  1. MOLTO INTERESSANTE.
    http://www.tzetze.it/2013/01/elezioni-parola-dordine-frammentare-lelettorato-e-depotenziare-il-m5s.html

    Se si prova a guardare l'incredibile evoluzione politica del nostro Paese nell'ultimo mese e mezzo, come se si stesse affacciati ad una finestra a grande distanza, si coglie un andamento che lascia presumere un disegno. Troppo complottista? Semplicemente, è implausibile che una simile rapidissima concatenazione di eventi possa essere casuale vista la posta in gioco. Vediamo.
    A metà Novembre, il panorama politico che si andava delineando era il seguente: presenti sulla scena due sole forze, il PD e il Movimento 5 Stelle.

    Il PDL era infatti crollato a percentuali ad una cifra con l'annuncio del ritiro di Berlusconi (24 Ottobre) e le liti interne, l'IDV dissolta in pochi giorni dopo la puntata di Report (28 Ottobre), la Lega travolta dagli scandali. Il M5S invece, sull'onda dell'inaspettato successo in Sicilia, a metà novembre superava il 20% dei consensi diventando il secondo partito della nazione e l'unica opposizione a PD/Monti nel Paese.

    Ora seguite il timing. Il 6 Dicembre inaspettatamente Berlusconi annuncia la sua candidatura a premier per il centrodestra. Nelle due settimane successive imperversa su tutte le televisioni, mentre i sondaggi provvedono a mostrare un PDL in risalita e i commentatori vicini al PD gettano l'Italia nel panico paventando una nuova vittoria del Berlusca: si sa, gli italiani sono stupidi quindi lo avrebbero rivotato in massa. Sotto Natale il Paese è brasato nel terrore al punto giusto.

    Il 21 Dicembre Monti presenta le sue dimissioni da premier, il 28 la nuova candidatura con la sua lista personale. Il giorno successivo, Ingroia scende in campo con Rivoluzione Civile. A meno di due mesi dalle elezioni, e nel giro di tre settimane il panorama politico viene sconvolto alla radice.

    I sondaggi seguenti dipingono quindi tutt'altro andazzo: l'elettorato, prima concentrato su due forze sole -più una vasta parte di astenuti-, si affretta ad accattarsi il nuovo che avanza e si frammenta per tutto l'arco politico. Sempre secondo i sondaggi ovunque opportunamente sbandierati, il PDL riprende fiato, in tanti appoggiano Monti che ci " salva da Berlusconi" per la seconda volta, Ingroia recupera voti nella sinistra astensionista e fa anche da civetta a elettori grillini incerti, e il Movimento 5 Stelle viene finalmente depotenziato: da unica proposta alternativa, a "uno dei tanti". Era proprio questo infatti l'obiettivo a cui è servito lo spiegamento di forze di cui sopra.

    Tre settimane appena, per diluire l'unica opposizione concreta al progetto politico a cui andiamo incontro. Sì, perché c'è anche quello, bello e pronto. Infatti, il problema era proprio l'impossibilità di formare il futuro governo già in programma: PD primo partito con Monti premier, o comunque con il prosieguo del programma Monti. E' il governo che ha ordinato l'Europa, quello che s'ha da fare, come già accaduto in Grecia peraltro. A Novembre non esisteva un alleato conseziente per il PD, oggi esiste, ed è il partito di Monti stesso. Il resto è frammentato ovunque. Mission accomplished.

    Debora Billi
    Fonte: http://crisis.blogosfere.it
    Link: http://crisis.blogosfere.it/2013/01/elezioni-politiche-parola-dordine-frammentare-lelettorato.html
    9.01.2013

    RispondiElimina