venerdì 15 febbraio 2013

CIO' CHE VA FATTO

Il Movimento 5 Stelle Arese è favorevole ed appoggerà qualsiasi iniziativa che riporti la partecipazione attiva dei cittadini aresini alla ribalta. Accettiamo quindi l’appello di AreseinTesta.
Il commissario prefettizio non doveva firmare l'AdP e neppure deve decidere opere, viabilistiche o meno, che impattino pesantemente sul futuro della nostra cittadina. Doveva solo procedere alla ordinaria amministrazione, ma con arroganza si è sentita in dovere di prendere decisioni così impattanti come se fosse stato una questione di vita o di morte. Fra qualche mese la dott.ssa Pavone se ne andrà, lasciando agli aresini duraturi strascichi e imperitura negativa memoria.


Sul perchè i commissari prefettizi Chiodi e Pavone siano stati così allineati alle scelte del pluri-indagato governo lombardo non abbiamo risposte, ma solo cattivi pensieri.
La commissaria si difende dicendo che il piano (PGTU) e' stato pubblicato per un anno e nessuno ha detto niente. Peccato che pubblicare, per i normali cittadini, non significa necessariamente anche conoscere. Siamo ancora alla vecchia concezione della PA che ci tratta come sudditi e che si nasconde dietro "l'adempimento".
Il Movimento 5 Stelle di Arese nel prossimo consiglio comunale, sia come maggioranza che come opposizione farà tutto ciò che è in suo legittimo potere per impedire che la nostra città sia tagliata in due da una "piccola autostrada" che conduce al mega centro commerciale. 



E' il momento di scegliere e di cambiare strada

Il Movimento 5 Stelle Arese 
farà quello che deve essere fatto ...






Nessun commento:

Posta un commento