domenica 22 novembre 2015

SKATEPARK - CHI L'HA VISTO ?


INTERROGAZIONE    -   Presentata dal MoVimento 5 Stelle

Spett.le  Sindaco del Comune di Arese – Michela Palestra
Presidente del Consiglio – Veronica Cerea


Oggetto“Mi lancio nel bilancio” - skatepark
PREMESSE
Nella pagina web del Comune di Arese  (http://www.comune.arese.mi.it/Articoli/Home-Page/Notizie-in-evidenza/13-1161%5EMi-lancio-nel-bilancio.asp?ID_SN=1161 ) l’Assessore alla Partecipazione Eleonora Gonnella quasi un anno fa scriveva: Con ‘Mi lancio nel bilancio’, (…) l'Amministrazione ha dato ai cittadini la possibilità di scegliere ‘come spendere’ 250mila euro del bilancio comunale, aprendo un dialogo importante con la parte civile.
Nella stessa pagina web si trovano le prime tre proposte più votate (1° posto con 213 voti: skatepark cittadino;  2° posto con 136 voti: struttura dedicata al gioco per bambini e ragazzi;  3° posto con 136 voti: pedana per il corpo libero per il centro sportivo comunale) e leggiamo la seguente dichiarazione: Dopo l'approvazione del bilancio comunale, sarà possibile per l'Amministrazione avviare la realizzazione concreta delle proposte che vi saranno inserite. Anche i cittadini proponenti potranno divenire parte attiva. Saranno infatti, dove possibile, coinvolti in prima persona e potranno conoscere norme e regolamenti a cui il Comune deve adeguarsi, seguire l'iter dei lavori amministrativi e tecnici, procedere di passo in passo l’implementazione della proposta fino alla sua conclusione. 
Il programma della maggioranza in Comune cita:  L'Amministrazione deve essere promotrice di un “progetto per lo sport” che preveda: (…)  la creazione di luoghi per la pratica di sport liberi, diffusi sul territorio all'aperto e nei parchi (per esempio: basket, pallavolo, calcio, percorsi vita, skate park, running, nordic walking, yoga).
A un anno circa dalla promulgazione della graduatoria non vi è traccia della realizzazione del progetto vincitore di uno skate park nella nostra città e non ci risulta alcun coinvolgimento dei cittadini proponenti.
In occasione dell’incontro con la Commissione Ambiente e Viabilità del 17 novembre l’Assessore all’Urbanistica Enrico Ioli, pur avendo approvato la costruzione di una pista ciclabile nel parchetto di via Col di Lana, il parcheggio a Valera o la biblioteca nel centro sportivo, ha affermato che, per via della cementificazione, preferirebbe presentare le dimissioni piuttosto che costruire in un parco cittadino.
SI CHIEDE
di rendicontare, rispetto ai € 250.000,00 stanziati nel 2015 per il Bilancio Partecipato, lo stato di avanzamento e realizzazione dei progetti votati ed il dettaglio delle spese sostenute ad oggi per ogni singolo progetto;
se quanto NON speso verrà riportato in bilancio nel 2016;
quando e dove e se la Giunta ha intenzione di costruire lo skate park, vincitore assoluto della votazione e parte del programma elettorale;
quante risorse pensa di destinare a questo progetto che, a differenza degli altri, si configura come opera pubblica;
se la Giunta ha intenzione anche per il 2016 di lanciare un altro Bilancio Partecipato e di tenere aperto il “dialogo con la parte civile”  senza aver soddisfatto nel 2015 le istanze più votate nel 2014 dai cittadini, oppure se l’Avventura sperimentale del Bilancio Partecipato è già giunta al termine.

Loris Balsamo
Consigliere comunale
Arese, 20 novembre 2015 



11 commenti:

  1. Ciao
    Essendo io uno dei promotori tengo a precisare che, seppur vero che praticamente nulla ad oggi ė stato ancora deciso, di incontri con il gruppo promotore ne sono stati fatti . La difficoltà oggettiva nella realizzazione dello skate park ė la sua collocazione. Ė chiaro che qualsiasi sia la sua ubicazione troverà favorevoli e contrari, spero solo che i contrari adducano motivazioni concrete a differenza di quanto fatto fino ad oggi per altre decisioni, da un manipolo di politici professionisti travestiti da cittadini. Io personalmente sono tra quelli favorevoli a non cementificare nemmeno un metro quadrato di verde, le ultime giunte mi sembra che di danni in questo senso ne abbiano fatti fin troppi. Avendo appreso del possibile spostamento della discarica, ho proposto al vice sindaco di sistemare in quello spazio eventualmente lasciato libero lo skate park, trattandosi a mio modo di vedere di una posizione ideale per uno spazio 'giovane': lontano da case abitate , facilmente raggiungibile anche con la pista ciclabile, non in posizione nascosta o defilata e di fianco ad un futuro parchetto . Spero solo che si riesca ad 'unificare' la discarica con Bollate. Se non va bene invito chiunque a dire la propria e magari dare una soluzione diversa. Io sto col 5 stelle, ma per favore non facciamo l' Unione Del Cemento grazie ciao
    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      qui non si tratta di fare l'Unione del Cemento, ci mancherebbe!!!
      Ma programmi elettorali, promesse ed impegni coi cittadini vanno rispettati. Se poi il vincitore del Bilancio Partecipato viene ignorato, mi sai dire a cosa serve?? Ci continuiamo a prendere in giro e riempire la bocca con la partecipazione, quando invece fanno ciò che vogliono?
      Ben vengano le proposte come la tua, meglio se venissero ascoltate!
      Esistono inoltre diverse tipologie di skatepark (viste all'estero) che non impatterebbero sul consumo di suolo e di verde.
      Un po' di fantasia aiuterebbe!
      Laura

      Elimina
  2. Non si potrebbe utilizzare uno dei 6 campi da tennis del ccsa, oppure uno dei 2 campi da calcetto ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei campi da tennis si presterebbe particolarmente e secondo me avrebbe anche le caratteristiche ideali: vicinanza allo 'spazio giovani' e carabinieri, zona recintata, ambito sportivo e a breve con la biblioteca anche culturale.
      Peccato che ci sia in corso una vertenza sul centro sportivo con il precedente gestore, quello scelto in un bando 'estivo' indetto dal sindaco arrestato e né rende probabilmente difficile la scelta

      Elimina
    2. Ritengo che quella vertenza non abbia alcun peso (sono in gioco delle penali amministrative) in quanto la proprietà dell'area è sempre del Comune che secondo me ne può disporre come vuole, altrimenti non potrebbe neppure dare il via alla megagalattica biblioteca

      Elimina
    3. vicinanza ai Carabinieri per un un po' in quanto verrà costruita una nuova caserma ad aresesud, forse in sostituzione della chiesa cui la parrocchia ha rinunciato intascando 100.000 euri

      Elimina
    4. Posso capirli, attici prostitute e pedofilia costano !

      Elimina
  3. Laura al tavolo dei vari incontri sedevano anche degli esperti e competenti skater, oltre che copromotori, i quali hanno purtroppo indicato il cemento come miglior materiale per la realizzazione dello skate park.
    Io ho provato anche a proporre come spazio utilizzabile quello attualmente occupato da quell'indecente e vergognosa fontana davanti al giada. Purtroppo trattasi di area privata, i cui proprietari pare non abbiano nemmeno dato il permesso ad una parziale riqualificazione loro proposta, utilizzandola per farci un giardino orto educativo per i ragazzi delle scuole. Non mi sembra quindi che quanto fatto possa prestarsi a strumentalizzazioni, ma semplici fatti accaduti.
    Piuttosto viviamo in un paese che evidentemente ci meritiamo dove arrestano il sindaco o vanno in prescrizione precedenti malefatte di altri personaggi che hanno malgovernato questo paese.
    Chi ė causa del suo mal pianga sé stesso

    RispondiElimina
  4. Sarò anche rinco per l’età ma non riesco a capire tutta questa avversione a costruirlo dove dovrebbe essere costruito cioè un parco, compensando da qualche altra parte, mettendo a verde ad esempio la zona della discarica sotto ai tralicci dove proponi di collocarlo. O si può cementificare solamente per le piste ciclabili per via che l’assessore è appassionato di bici?

    RispondiElimina
  5. Sono punti di vista, io ritengo più intelligente fare lo skate park dove esiste già del cemento, quindi cemento su cemento magari riqualificando la zona verde intorno; tu preferisci togliere il cemento sostenendo dei costi da una parte e rimetterlo poche lontano sostenendone altri ancora. Comunque entrambi sotto i tralicci.

    RispondiElimina
  6. scusa ma da bravo rinco non ci ho capito una mazza: "comunque entrambi sotto i tralicci" che vuol dire? Io preferisco tenere i ragazzi LONTANI dai TRALICCI a 380.000 VOLT!!!

    RispondiElimina