Sulle ipotesi del servizio di trasporto pubblico ad Arese


Comunicato Stampa Congiunto:  
MoVimento5Stelle,  AreseInTesta,   Passaparola


Siamo rimasti sconcertati dell’atteggiamento del sindaco riguardo la richiesta da parte del consigliere Piva di copiosi accessi atti anche  memori dei principi di trasparenza che questa maggioranza ha sempre sbandierato in campagna elettorale.
Al contrario,  abbiamo assistito alla totale assenza di informazione in merito a quanto viene discusso, proposto e deciso per il futuro di tutta Arese ai tavoli dell'AdP ex Alfa Romeo  a cui partecipa il sindaco
Dai pochi documenti che, con fatica, il  Consigliere Comunale Piva  è riuscita ad ottenere, sono finalmente emerse le intenzioni riguardanti il  trasporto pubblico che è al vaglio del nuovo accordo di programma exAlfaRomeo.

Nei progetti  per la nostra città sono state avanzate due ipotesi di tracciato per il trasporto pubblico. (Come da immagini allegate)

La prima ipotesi riguarda il percorso della cosiddetta “PEOPLE MOVER” un percorso che dalla Stazione di MM RHO FIERA si attesta come capolinea all'ingresso del futuro sviluppo dell’area ex- Alfa  (alla faccia dei fautori contrari all'antropizzazione del territorio),  a parte ciò, questa prima ipotesi risulta priva di particolare utilità pubblica per i cittadini aresini in quanto il suo tracciato risulta periferico rispetto ad Arese .
Si deve anche adeguatamente considerare il costo dell'infrastruttura (126 milioni di Euro); i costi di esercizio (quasi 12 milioni all'anno ) che, vista la scarsa utilità del tracciato per i cittadini, si trasformerebbero in una perdita annuale stimata in oltre 9 milioni di Euro. Importi che nessuno ha finora chiarito, ma non saranno finanziati dall'operatore privato, ma in gran parte pagati con fondi pubblici .
In altre parole il rischio che si corre è quello di dare vita,  con i soldi dei cittadini,  ad un’infrastruttura  posta a beneficio prioritario degli operatori privati  e non (con fermate davvero utili per i cittadini aresini), a beneficio della nostra città.

La seconda proposta avanzata sui tavoli è quella di un collegamento via Gomma (normale bus) tra Lainate e Rho Fiera passando per Via Nuvolari (prima fermata) e Viale Gran Paradiso (seconda Fermata) per poi passare per il ponte di Terrazzano e quindi arrivare nella zona industriale di Mazzo di Rho (RHO FIERA MM).

Anche in questo caso risulta evidente la carenza di particolare utilità per tutta quella parte di Arese che vive al di là di Gran Paradiso (ossia quella che si estende da Viale Sempione- Resegone- Matteotti – Gran Paradiso, centro) .
In ogni caso,  si deve anche considerare che l'attuale 561 è pagata con i soldi dell'accordo di Programma (che presto finiranno). Di riflesso è del tutto evidente che in caso di realizzazione di tale tratta (o della people mover), la linea 561 verrebbe soppressa con i conseguenti effetti su vaste aree di Arese che rimarrebbero del tutto sprovviste di ogni mezzo pubblico di collegamento.
Anche in questo caso - proprio per il tragitto-  l'interesse pubblico (con relativo investimento pubblico) sarebbe fortemente sbilanciato a favore dell'interesse del privato.

Alla luce di queste semplici considerazioni, ci stupiamo che il Sindaco non abbia ritenuto utile e necessario comunicare alla cittadinanza il contenuto di tali documenti, tenuti riservati fino ad oggi, al fine di stimolare un dibattito e si sia limitata a sedersi ai tavoli senza avere nulla da eccepire.
La priorità infatti dovrebbe essere quella di offrire agli aresini un vero e utile servizio di trasporto pubblico e non di offrire al privato un servizio pubblico a suo prevalente uso e consumo a spese delle finanze pubbliche.
La trasparenza è una cosa fondamentale così come la condivisione e l'informazione, ma questi principi non dovrebbero essere validi solo per noi ma soprattutto per chi governa la Città.
Per questa ragione, non accettando il silenzio , ci siamo determinati come gruppi e cittadini a collaborare per rompere finalmente questo assordante silenzio. 























Commenti

  1. Io non riesco a comprendere come si possa accettare L'AUTO DEFINIZIONE ^^ SARO' IL SINDACO DI TUTTI ^^quando il tracciato mostra di tagliar fuori da un servizio pubblico ( ??? ) migliaia di utenza. INESISTENTE LUNGIMIRANZA, TRASPARENZA E COMPETENZA.
    INACCETTABILE / SCANDALOSO.!!!

    E' INACCETTABILE /SCANDALOSO .!!! ATTENZIONE NECESSITA LA MASSIMA CONDIVISIONE. QUESTE SCELLERATE SCELTE METROPOLITANE PER FAVORIRE SOLO INTERESSI PRIVATI, TRASCURANDO LA CITTADINANZA. e poi BLOCCANO MEZZI DIESEL EURO 3 COLPENDO SOLO LAVORATORI A BASSO REDDITO E PICCOLE AZIENDE .

    RispondiElimina
  2. concordo con
    Antonio.

    RispondiElimina
  3. Fosse solo questa la questione, ma ce ne sono di ben peggio sotto ...... a breve ne vedremo delle belle.

    RispondiElimina
  4. Cominciamo a chiedere il parcheggio gratis per i cittadini aresini ai parcheggi Rho Fiera, almeno quando non ci sono manifestazioni fieristiche. È una richiesta che non comporta spese.
    Per quanto riguarda il servizio pubblico, vorrei il prolungamento della M1 fino a oltre Arese, magari anche fino a Il Centro, così lo pagherebbero in gran parte i privati.

    RispondiElimina

Posta un commento