lunedì 20 maggio 2013

C'E' POST@ PER TE


Qualche giorno fa è arrivato nelle nostre cassette postali un opuscolo riguardante il progetto per la riconversione dell’area ex Alfa Romeo previsto nell’Accordo di Programma.
Abbiamo già pubblicato la lettera di un cittadino che esprimeva i suoi commenti e perplessità (leggi qui). 
L’opuscolo è pagato dalla società TEA spa e in prima pagina è firmato dal nostro commissario prefettizio dott.ssa Pavone.
Ci viene illustrato il favoloso centro polifunzionale: trattasi in realtà del mega centro commerciale/outlet che sorgerà in quell’ area: 77 mila metri quadri, 5000 auto al giorno di media, 1.080 metri di lunghezza, 23 metri di altezza, con gas di scarico di 2.000.000 di automobili in un anno, che transiteranno anche sotto i nostri balconi. E nel raggio di 20 chilometri, troviamo ben altri 9 centri commerciali! 
Qui di seguito capiamo meglio di cosa stiamo parlando: ecco il video

Il Movimento 5 Stelle di Arese non voleva questo Accordo di Programma e non voleva il mega centro commerciale e neppure moltissimi aresini lo vogliono. Il volantino è uno spot pubblicitario del commissario che non ha mai consultato la cittadinanza su questo tema. Ma non c’è assoluta incompatibilità, un conflitto di interesse tra la carica di un alto funzionario pubblico e questa specifica collaborazione con la società immobiliare TEA spa?

Forse non tutti sanno che...

1) l'anno scorso quando ad Arese si votò per le comunali quasi tutti i programmi di partiti e forze politiche erano contrari a questo Accordo di Programma.

2) abbiamo incontrato il Commissario Pavone che dichiarava: Io devo fare quello che è necessario fare. Il commissario ha i poteri del sindaco, del consiglio e della giunta. Il Commissario sa ciò che va fatto. (clicca qui

3) la sicurezza del commissario ci ricorda quella dell’ ex Assessore provinciale all’urbanistica Fabio Altitonante che riguardo all’AdP aveva dichiarato: Le cose importanti non possono essere lasciate alle persone (minuto 2.35)…  L'assessore ora è stato "promosso": forse l' Area ex Alfa porta fortuna alle carriere? 

E' sconsolante constatare che sempre più il popolo sovrano (art. 1 della Costituzione) è invece solo un popolo di sudditi che non conta nulla.
Noi continueremo a promuovere la Democrazia Partecipata e ci attiveremo con tutte le nostre forze, localmente,  alla modifica dell'art. 56 dello statuto comunale affinché si ridia voce ai cittadini.


Nessun commento:

Posta un commento