giovedì 24 ottobre 2013

LA METAFORA DI AFOL

AFOL  - Agenzia per la formazione, l'orientamento e il lavoro - 
è la metafora dell'Italia. 


Dal 2008 al 2012 ha accumulato complessivamente 400.000euro di debito (non noccioline); la cifra è stata confermata dell'assessore al lavoro in consiglio comunale, eppure si prosegue, guidati da coloro che hanno creato il buco.
Mai una responsabilità, mai un taglio netto. 




Se abbiamo bisogno di un pompiere, ci affidiamo al piromane che ha causato l'incendio. 

Malati, ci affidiamo all'esperto che ci ha inoculato il 
virus.

soldi pubblici servono agli inutili carrozzoni dove risolvere il problema del lavoro ai parenti, amici e amici degli amici.

La differenza tra il M5Stelle e il PD/PDL, appoggiati in questo caso anche dal Forum e dal sindaco, è proprio questa.



Se non si cambia atteggiamento, per l'Italia è finita.

* * * * * 

il seguente articolo de Linkiesta (Leggi quiè stato inutilmente distribuito prima del consiglio comunale del 21 ottobre. Inutilmente perché il voto è già deciso a priori: a poco servono le argomentazioni e la dimostrazione che fare rete e creare opportunità di lavoro nel territorio e per il territorio,  è ben altro.  
Con il Lavoro - emergenza assoluta - non si scherza.

3 commenti:

  1. ALBO PRETORIO Comune di Arese Leggo che ai cittadini di arese il servizio di riscossioni tributi costa circa € 235.000,00 se si ipotizza circa 5000 Famiglie ognuna paga sulle bollette circa € 50,00 un ....
    Con quella cifra il comune potrebbe tranquillamente risparmiali ri distibuendo compiti lavorativi su i 115 Dipendenti e destinnare quei soldi al BISOGNI della collettività meno fortunata. ma questa mia è una grillinata Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una Risposta ma vorrei modificare il commento??? vedo che non è possibile farlo posso chiedere all'amministratore di eliminarlo? ho tralasciato alcuni aspetti che avevo in mente grazie.

      Elimina
  2. ALBO PRETORIO Comune di Arese. Ho Letto che il servizio per la riscossioni tributi costa alla collettività circa € 235.000,00. Ipotizzando circa 5.000 Famiglie, ognuna oltre alle bollette a sua insaputa paga circa € 50,00 per il servizio reso. Se aggiungessimo + € 100.000,00 Afol + € 750.000,00 Concessioni a fondo perso di vario tipo superiamo tranquillamente 1 milioni di euro. C'è però da puntualizzare che certe donazioni sono più che giustificate ma dato che l'elenco è molto lungo è meglio non citarli . Se ponessimo una maggiore attenzione nel Bilancio comunale scopriremmo che veramente non ci sono risorse da destinare al BISOGNI di una parte della collettività mentre qui si dibatte moltissimo di cose che alla gente non gliene frega niente, fatta eccezione per un'idea di viabilità che ne con MALOX ne con Citrosodina si riesce a digerire quel mattone. Il COMUNE che esso stesso viene eletto per dare una serie di servizii ai cittadini da molto tempo non c'è più servizi che non vengono appaltati Ma il NUOVO DOV'E' se si appalpa ogni cosa a società esterne senza parlare di consulenze, etc Inoltre si è anche spogliato della responsabilità civile per cui non si può più dare lavori anche di piccola manutenzione ordinaria spicciola ad esempio per il DECORO URBANO a chi ha lavoro non c'è l'ha più.
    Non si deve dimenticare che vi sono 115 dipendenti trai quali vi è un elevato tasso culturale molti laureati nei settori ben 10. Domanda siamo proprio sicuri che non si può tranquillamente risparmiare risprse attraverso una ridistibuzione dei compiti lavorativi sui 115 Dipendenti per poi destinare quei soldi al BISOGNI della collettività meno fortunata. Ma questa mia è proprio una grillinata ??? Tony

    RispondiElimina