giovedì 28 novembre 2013

LA STRADA GIUSTA

Dalle pagine del foglio di regime “LA TORRAZZA”, Armando Calaminici definisce una sciocchezza la nostra proposta di evitare la costruzione del mostruoso insediamento di Arese Sud.
 
Lo fa dall’alto delle sua grande esperienza…
 
Ma quale?
 
Deputato per 6 anni con il Partito Comunista Italiano, tra il 1976 e il 1983 ha presentato 32 progetti di legge (ma solo uno come primo firmatario), e tutti nel campo dei trasporti! Adesso che abbiamo chiarito che Calaminici non ne sa certo più di noi in campo urbanistico, vediamo chi è che dice sciocchezze: forse lui? Ma ha letto bene il secondo post che abbiamo pubblicato su Arese sud? In sostanza ecco le due cose che ci mette in bocca l’Armando. La prima che vogliamo togliere alla Sansovino il diritto di edificare; la seconda che non conosciamo il valore dell’area. Sbaglia in entrambi i casi: Noi suggerivamo alla giunta di entrare in trattativa con Sansovino, cambiare gli accordi in parte ripagando il costruttore del mancato guadagno, in parte progettando un ALTRO intervento, per ottenere due cose: la prima, fondamentale, una riduzione del consumo del suolo, la seconda, la ridefinizione di un’area che potrebbe anche ospitare della residenza, ma con tutt’altre caratteristiche di densità, di numero di occupanti, altezza degli edifici e disponibilità di servizi e soprattutto disponibilità di verde pubblico. Ricordiamo che l’area presenta delle fortissime criticità: confina con la discarica esistente di Arese e con quella in progetto di Bollate, è attraversata da linea ad altissima tensione i cui effetti elettromagnetici sull’aumento delle leucemie sono studiati da anni. Su un’area con queste caratteristiche non si può puntare sull’edificazione massiccia, solo per ottenere qualche appartamento di edilizia convenzionata (ed infatti come si evince dall’articolo, si rischia di non ottenere nemmeno quello…).
Si doveva agire in altro modo!  
 
Calaminici, suo malgrado, rappresenta quei politici di lungo corso ai quali riconosciamo solo il merito della devastazione attuale, che noi proprio non sopportiamo: la spocchia del “so tutto io”, il suo zampino dietro gli incredibili flop di Augurusa, e adesso l’attacco al Movimento 5 Stelle, che ovviamente non può capire. Se prima potevamo avere qualche dubbio sulla strada intrapresa, adesso siamo sicuri: è quella giusta!
 
Grazie Armando!
 
 
 

1 commento:

  1. Com'è è noto io ero molto preoccupato dei cittadini che avevano partecipato al bando tra l'altro anche mio figlio e non l'ho mai nascosto, ma vi segnalo un piccolo aneddoto che mi è capitato quando acquistai casa nel 1973 alle Vaiane di via Matteotti 25, notando l'alta tensione il venditore scaltro mi disse subito che l'avrebbero interrato e c'è l'ho sulla testa dal 1977. detto ciò per dire che la facilita di dissuadere i cittadini è di una facilità estrema vedi 20 anni di Berlusconismo. Ora se come ho più volte suggeriro anche a Marco Sabato scorso di fare un pensierino sul il canale scolmatore che a mio avviso è un tracciato perfetto da coprire e renderlo transitabile fino all'entrata autostrada zone uscita tangenziale ovest e potrebbe rappresentare una soluzione di ESTERNALINA da valutare. Sansovino solo per il fatto che si propone una provinciale per il centro commerciale dall'esterno dio Arese potrebbe agitare la società Trevigiana e forse ridurrebbero ulteriormente le probabilità di vendita ( Mio figlio ha deciso dopo alcune riflessione che abbiamo fatto acquistato a Parabiago a causa dell'incertezza sulle modalità di pagamento vigenti all'epoca e dell'elevato costo al mq. e tempi di consegna poco convincenti ). Ora ci dicono anche che tutti hanno rinunciato a quell'assegnazione quindi avevo visto lontano.

    RispondiElimina